San Francisco e la tassa su Instagram

Condividi questo articolo su :

Hits: 51

La sindaca London Breed ha richiesto il pagamento di un pedaggio per proteggere Lombard Street dall'eccessivo traffico e, soprattutto, dai turisti.

Una tassa da social network, o qualcosa del genere. Presto per transitare con l’auto a Lombard Street, una delle vie più famose di San Francisco, fra le più irregolari e contorte del mondo nonché fra le più immortalate su Instagram, potrebbe essere richiesto un pedaggio. L’amministrazione cittadina, guidata dallo scorso anno dalla 43enne democratica (e prima sindaca afroamericana di San Francisco) London Breed, sta infatti pensando insieme ad altri dirigenti statali di introdurre un pagamento per la strada. Ma anche un meccanismo di protezione per evitarne il quotidiano assalto, sia pedonale che automobilistico, che d’estate diventa a dir poco drammatico.

Lombard Street si sviluppa lungo cinque chilometri, dal parco Presidio fino all’Embarcadero, ma la porzione più nota è quella sulla Russian Hill, tra Hyde Street e Leavenworth Street, grazie agli otto tornanti ripidissimi che, appunto, le sono valsi il titolo di strada più tortuosa al mondo. Che lo sia effettivamente resta tutto da vedere; senza dubbio è la più facilmente fotografabile visto il clamoroso flusso turistico della città e la breve distanza dal centro.

Getty Images

Quel tratto è stato realizzato nel 1922 proprio per affrontare il problema della pendenza ed è lungo circa quattrocento metri, con una tipica pavimentazione di mattoncini rossi. Le vetture vanno a senso unico in discesa alla velocità massima di otto km/h e, presto, potrebbero dover pagare circa cinque dollari, da saldare online al momento della prenotazione del transito. La proposta dovrebbe risolvere la congestione del traffico, il sovraffollamento a piedi, e restituire un po’ di serenità ai residenti. D’estate, infatti, la strada è presa d’assalto da circa seimila persone al giorno fra pedoni e auto, col risultato di creare una fila impensabile in quella zona, che si sviluppa per diversi isolati.

Nel complesso, un milione di mezzi la solcano nel giro di un anno. Senza contare la sporcizia, l’insolenza dei turisti, la ricerca della prospettiva perfetta per il post su Instagram e altre tipiche problematiche legate all’isteria collettiva da selfie e controselfie selvaggio. Dunque si parla del pagamento di cinque dollari, almeno stando a una prima versione del provvedimento. Un altro piano in discussione, o meglio un’evoluzione del primo, parla sempre di prenotazioni online e di una tassa di dieci dollari, ma da applicare soltanto nel fine settimana e nei giorni festivi.

Getty Images

In ogni caso, occorrerà l’approvazione dello Stato della California per consentire al comune il pagamento del transito per una strada che, per quanto celebre, resta pur sempre pubblica. Ricordiamo, infatti, che è finita in pellicole come La donna che visse due volte di Alfred Hitchcock, Il maggiolino tutto matto dove Herbie la percorre a tutta birra nel 1968 e Ma papà ti manda sola? di Peter Bogdanovich con Barbra Streisand e Ryan O’Neil.

Il provvedimento ha già ricevuto un primo via libera lo scorso 16 aprile dal Comitato dei supervisori della città, su proposta delle autorità statali. L’accesso pedonale rimarrà, tuttavia, gratuito. Altre soluzioni sul tavolo parlavano della chiusura totale della strada o di una sua privatizzazione e cessione a una società che l’avrebbe usata come meglio avrebbe creduto.

Fonte articolo originale

Guide su San Francisco

Offerte Hotel a San Francisco

Booking.com
Condividi questo articolo su :

Benvenuto su DestinazioneUSA.com !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social