Alla scoperta della selvaggia e spettacolare Alaska

Condividi questo articolo su :

Hits: 98

L'Alaska è una meta insolita, lontana dal turismo di massa, ma custodisce alcune delle aree più estreme e suggestive del mondo. Dai parchi naturali ai ghiacciai, dalle città ai laghi, lo stato americano è un paradiso naturale e culturale, da non perdere.

Paesaggio dell'Alaska, con vista del Monte Denali

L'Alaska è una delle mete più estreme e suggestive del nostro pianeta, un angolo selvaggio di incredibile bellezza, dove vi aspettano una maestosa fauna, dei possenti ghiacciai, delle magnifiche montagne e degli spettacoli naturali quasi fiabeschi, tra cui il meraviglioso fenomeno dell'aurora boreale.

Partiamo insieme per un tour mozzafiato delle attrazioni imperdibili dello stato che gli Stati Uniti acquistarono dalla Russia nel 1867, per soli 2 centesimi ad acro (essendo, però, l'area estesa per circa 1.700.000 kmq, il costo finale superò i 7.000.000 di dollari!).

Le mete imperdibili dell'Alaska:

  • Denali National Park
  • Alaska Highway
  • Città e paesini
  • Inside Passage
  • Ghiacciai
  • White Pass e Yukon Route
  • Kenai Fjords National Park
  • Wrangell-St. Elias National Park and Preserve

Cosa sapere per organizzare il viaggio in Alaska:

  • Eventi e feste principali
  • Informazioni utili

Denali National Park

Lo spettacolare Denali National Park è il principale parco nazionale dell'Alaska e, al suo interno, si trova anche il famoso Mount Denali, che, con i suoi 6194 m, è il più alto del continente nordamericano e uno dei più alti al mondo.

Caribou nel Denali National Park
Caribou nel Denali National Park, con sullo sfondo il Mount Denali

Dal 1896 al 2015, è stato conosciuto come McKinley, in onore di William McKinley, il venticinquesimo presidente degli Stati Uniti. Il nome Denali gli era stato dato anticamente dalla popolazione nativa dei Koyukon Athabascani. Il presidente Obama, qualche anno fa, decise di ritornare alle origini, anche per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla grave emergenza ambientale che stiamo affrontando.

Un famigliola di orsi bruni
Una famigliola di orsi bruni nel Delani National Park

Il parco, fondato nel 1917, si estende per 6.000.000 di acri e, tra i suoi boschi, vivono centinaia di specie di volatili e mammiferi, tra cui orsi neri, grizzly, alci, lupi, caribù, linci, ghiottoni, coyote, volpi e castori.

Qui si spense, nel 1992, Christopher Johnson McCandless, un viaggiatore errante e solitario, la cui storia è stata raccontata con particolare sensibilità e attenzione dall'autore Jon Krakauer nel libro Nelle terre selvagge (1996) e nel commovente film di Sean Penn, Into the Wild (2007), con Emile Hirsch chiamato ad interpretare il protagonista e con la splendida colonna di Eddie Vedder dei Pearl Jam.

Alaska Highway

L'autostrada dell'Alaska, chiamata in inglese "Alaska Highway", è una delle tratte più famose del mondo, iconica quasi quanto la celeberrima Route 66, che va da Chicago a Santa Monica.

Segnale dell'Alaska Highway
L'iconica insegna che segna l'inizio dell'Alaska Highway

L'Alaska Highway è lunga oltre 2450 km e unisce Dawson Creek, pittoresca cittadina canadese della Columbia Britannica, alla piccola e suggestiva Delta Junction, in Alaska, passando attraverso la graziosa Whitehorse, capoluogo del territorio canadese dello Yukon. La strada, che fu costruita durante la Seconda Guerra Mondiale per supportare gli spostamenti dell'esercito statunitense, attraversa paesaggi meravigliosi, assolutamente da ammirare almeno una volta nella vita.

Città e paesini

L'Alaska è composta da poche città e innumerevoli paesini o agglomerati abitati, che spesso non superano i 500 abitanti. La città più grande è Anchorage, un bellissimo centro, tra i più "vivibili" degli USA. Fondata nel 1915 per volere del presidente Woodrow Wilson, Anchorage offre tantissime attrazioni e scorci mozzafiato.

Anchorage
Incantevole vista notturna di Anchorage

Il gigantesco e interessantissimo Anchorage Museum, aperto nel 1968 per celebrare il centenario del passaggio dell'Alaska agli USA, espone, in un'area di circa 16.000 mq, migliaia di quadri, sculture, reperti antichi e fotografie, attraverso cui ripercorrere la storia del territorio, mentre, visitando l'Alaska Native Heritage Center, potrete scoprire la cultura e le tradizioni di undici popolazioni native dell'Alaska, tra cui Athabaskan, Tlingit, Tsimshian, Unangax e Inupiaq.

Molto bello è, poi, l’Alaska Center for the Performing Arts, un centro dove assistere a concerti, proiezioni cinematografiche e spettacoli teatrali e musicali (dall’Opera ai musical). Non perdetevi, infine, l’Alaska Botanical Garden, un rigoglioso giardino botanico con migliaia di piante e fiori, e il parco più amato di Anchorage, il paesaggistico e ottimamente attrezzato Kincaid Park, dove potrete praticare escursioni e svariate attività sportive, come ciclismo, golf, calcio tiro con l'arco, pattinaggio e, durante l'inverno, sci nordico, circondati da foreste di betulle e abeti rossi, dune di sabbia, mare e montagne.

Fairbanks è la seconda città più importante dell'Alaska ed è un po' italiana, dal momento che fu fondata, nel 1902, grazie ad un nostro emigrante, Felice Pedroni. L'uomo, soprannominato Felix Pedro, infatti, scoprì, insieme al compagno Tom Gilmore, un giacimento d'oro nella zona e attirò numerosi cercatori d'oro, contribuendo alla nascita del nuovo centro.

Trovandosi relativamente poco sotto al circolo polare, Fairbanks è una meta perfetta per ammirare il sole di mezzanotte (in estate) e l'aurora boreale (in inverno). Un'altra tappa imperdibile dell'Alaska è la piccola e colorata Ketchikan, cittadina fondata nel 1885 e famosa per i meravigliosi totem che la adornano.

Il caratteristico e colorato centro di Ketchikan

Queste sculture lignee dal significato simbolico e religioso sono disseminate ovunque in città e sono valse a Ketchikan il titolo di "città con la più grande collezioni di totem del mondo". Visitate il Totem Heritage Center per approfondire l'argomento e ammirare alcuni degli esemplari più singolare e degni di nota, e passeggiate nel Saxman Totem Park e nel Totem Bight State Park con il naso all'insù, circondate da queste iconiche e suggestive opere.

Se avete amato l'acclamata serie The New Pope di Sorrentino, inoltre, avrete già sentito nominare Ketchikan... ma niente spoiler!

Totem a Ke
Alcuni bellissimi totem nel Saxman Totem Park

Inside Passage

L’Inside Passage è una delle aree più belle dell'Alaska e include pittoresche cittadine, tra cui la già citata Ketchikan, Douglas, Petersburg, Sitka, Wrangell e Skagway, spettacolari fiordi, canali, ghiacciai e insenature del Pacifico, lungo le coste dell'Alaska e della Columbia Britannica, fino allo stato di Washington.

Inside Passage
La natura rigogliosa che accompagna l'Inside Passage

Abbracciati da una natura selvaggia e ispirati da una sensazione di pace e tranquillità, potrete dedicarvi ad escursioni, campeggio, kayak, pesca, bird e whale watching. Un must dell'Inside Passage sono le crociere, organizzate dalle migliori compagnie (cliccate qui per avere più informazioni), per godere al massimo dei paesaggi che la zona regala.

Vista dell'Inside Passage
I fantastici colori del cielo sull'Inside Passage

Ghiacciai

Anche se l'inquinamento ne sta lentamente causando lo scioglimento, i ghiacciai dell'Alaska sono uno spettacolo imponente ed emozionate, che dovrebbe farci riflettere sui gravissimi pericoli ambientali che il pianeta sta affrontando a causa delle sconsiderate azioni umane. In Alaska ci sono circa 100.000 ghiacciai ed essi occupano orientativamente il 5% della superficie dello stato.

Il ghiacciaio Mendenhall
Il Mendenhall Glacier, splendido ghiacciaio all'interno della Tongass National Forest

Tra i più belli, ci sono il Bering Glacier, il Malaspina Glacier, l'Hubbard e il Mendenhall Glacier, che fa parte della straordinaria Tongass National Forest, la Foresta Nazionale più estesa di tutti gli Stati Uniti, con un patrimonio di biodiversità eccezionale! Nei suoi 68.000 kmq, tra ghiacciai, fiordi, fiumi, laghi e foresta pluviale, vivono migliaia di specie, tra cui salmoni, orsi, aquile, capre, lupi, megattere, cervi, renne, leoni marini, foche e lontre. L'area è, inoltre, abitata dall'uomo, in particolare da popolazioni indigene.

Orsi bruni in Alaska
Dei possenti orsi bruni "a pesca" di salmoni

I nostri ghiacciai preferiti rimangono, però, quelli del Parco Nazionale e Riserva di Glacier Bay, Patrimonio dell'Unesco dal 1979. Visitabili solo tramite tramite traghetti o aerei da turismo, partono dalle montagne e si gettano, possenti e magnifici, nelle acque marine, creando un panorama davvero incredibile! All'interno del parco, trovano rifugio tantissimi animali, tra cui orsi, cervi, balene, capre, lupi e uccelli marini.

Un ghiacciaio nel Parco nazionale e riserva di Glacier Bay
Il maestoso spettacolo dei ghiacciai nel Parco nazionale e riserva di Glacier Bay

White Pass e Yukon Route

Nel 1896, un gruppo di ricercatori scoprì dei preziosi giacimenti d'oro a Rabbit Creek, nella regione canadese dello Yukon. Esplose così la famossissima "corsa all'oro del Klondike" che, in pochissimo tempo, portò centinaia di migliaia di persone a riversarsi lungo i fiumi Klondike e Yukon, alla ricerca di fortuna.

Skagway
La cittadina di Skagway, uno dei centri più importanti della "corsa all'oro del Klondike"

Per agevolare gli spostamenti e la conseguente nuova urbanizzazione di questi ricchi territori, nel 1898, vennero costruite diverse infrastrutture, tra cui la ferrovia che attraversa il White Pass, un valico di 873 m, e unisce Alaska e Canada. Ripristinata ad uso turistico nel 1988, questa ferrovia è una delle più belle e scenografiche del mondo! Prendete il treno da Skagway (Alaska) verso Whitehorse (Canada) e lasciatevi ispirare da panorami meravigliosi e irripetibili!

Lo spettacolo mozzafiato del "White Pass and Yukon Route"

Kenai Fjords National Park

Il Parco Nazionale dei Fiordi di Kenai, istituito dal presidente Jimmy Carter nel 1978, è un luogo incantato, ricco di biodiversità, foreste ghiacciai e suggestivi fiordi scavati dal ghiaccio.

Gli spettacolari Kenai Fjords
La magia dei Kenai Fjords

La soluzione migliore per visitarlo è raggiungere la caratteristica cittadina di Seward, fondata nel 1903, e, da qui, prendere parte ad un'escursione giornaliera per ammirare le bellezze del territorio, in cui vivono lupi, porcospini, linci, orsi bruni e neri, alci, capre, coyote, castori, lontre, foche, leoni marini, orche, balenottere, megattere, aquile, falchi pellegrini, gazze e tante, tante altre specie. Tra i must-see del parco, ci sono l'imponente Exit Glacier e la magica Resurrection Bay.

Biodiversità in Alaska
Una magnifica megattera nelle acque dell'Alaska

Wrangell-St. Elias National Park and Preserve

Il Wrangell-St Elias National Park and Preserve, è il più grande parco nazionale degli Stati Uniti e si estende su oltre 53.000 kmq. Patrimonio dell'Unesco, al suo interno ci sono nove delle sedici cime più alte degli Stati Uniti, tra cui il monte Saint Elias (5489 m), il monte Bona (5005 m) e il monte Blackburn (4996 m).

Al suo interno, lasciatevi stupire da panorami mozzafiato, ghiacciai, montagne e tantissime specie animali e vegetali. All'interno del parco, vi aspettano diversi siti archeologici e culturali e, circondati da una natura selvaggia, potrete praticare numerosi sport e attività, tra cui trekking, kayak, arrampicata, escursioni, ciclismo e pesca.

Eventi e feste principali in Alaska

Nonostante sia uno stato non densamente abitato, l'Alaska è ravvivata da decine e decine di eventi e celebrazioni molto coinvolgenti. Città e paesini hanno un allegro calendario di feste e attività, sia nei mesi più caldi, sia in quelli più freddi. Dal 2 marzo 2019 ritorna, ad esempio, l'Iditarod Trail Sled Dog Race, una caratteristica corsa con cani da slitta che va da Anchorage a Nome, che si affaccia sul mare di Bering. L'origine di questa gara, che si svolge su un percorso lunghissimo (1868 km) e molto difficile, risale al 1925, anno in cui Nome stava soffrendo per un'epidemia di difterite.

Cani da slitta in Alaska
Una slitta trainata da cani in Alaska

A causa delle avverse condizioni meteo, l'unica maniera di portare dei medicinali nella cittadina fu attraverso slitte trainate da cani. A questa storia è legato anche uno degli animali più famosi del mondo, Balto, il cane capofila che "guidò" una delle 20 spedizioni dirette a Nome, raggiungendo la sua destinazione dopo sole 127 ore. Ad aprile, invece, vi aspettano l'Alaska Folk Festival di Juneau, un appuntamento musicale travolgente con un ricco programma settimanale di artisti professionisti e non, e l'Alyeska Slush Cup.

Questa folle gara di sci si tiene nella meravigliosa cornice dell'Alyeska Resort, con sportivi vestiti in maniera bizzarra che si sfidano in prove complesse e divertenti. A giugno, non perdetevi il Midnight Sun Festival a Fairbanks, per celebrare, con musica, performance, food truck e bancarelle di artigianato, il sole di mezzanotte e il solstizio d'estate.

A luglio, l'evento più interessante è la Girwood Forest Fair, una fiera immersa nel verde del grazioso centro di Girwood, con cibo, stand di prodotti locali, oggetti d'arte e tantissimi spettacoli, mentre, tra fine agosto e inizio settembre, fatevi coinvolgere della gigantesca Alaska State Fair, la fiera dello stato che propone innumerevoli attività ed appuntamenti musicali, enogastronomici, teatrali e così via.

Il 18 ottobre festeggiate insieme ai locali l'Alaska Day Celebration di Sitka, in memoria del 18 ottobre 1867, giorno in cui gli Stati Uniti ottennero ufficialmente l'Alaska dalla Russia. A dicembre, in attesa del Natale, invece, godetevi i film dell'Anchorage International Film Festival.

Informazioni utili

  • Come e quando andare
  • Cosa e dove magiare
  • Dove dormire

Come e quando andare

L'Alaska è una destinazione meravigliosa in ogni stagione e offre tantissime attività e attrazioni sia durante i periodi più caldi, sia quando le temperatura arrivano sotto zero. Scegliere il periodo adatto alla vostra vacanza in base a ciò che volete ammirare e sperimentare: per il sole di mezzanotte, il trekking, le whale watching, le crociere tra ghiacciai e montagne e le escursioni nei boschi, magari alla ricerca degli orsi bruni, sono più indicate la primavera e l'estate.

Il verde dell'Alaska
Scorcio primaverile dell'Alaska

Se desiderate lasciarvi incantare dall'aurora boreale, osservare la notte polare e praticare sport invernali, invece, sarebbe meglio visitare il 49° stato statunitense da ottobre a marzo. Arrivare in Alaska non è facilissimo e potrebbero volerci anche due scali, ma i paesaggi che vi aspettano a destinazione vi faranno dimenticare facilmente la fatica e il fuso orario! Dall'Italia, una delle soluzioni migliori è raggiungere Seattle, ottimamente collegata con i maggiori aeroporti italiani da ottime compagnie (Alitalia, British Airways, Lufthansa, KLM, etc.), e poi volare in una delle città più importanti, tra cui Anchorage o Fairbanks, con l'Alaska Airlines.

Cosa e dove mangiare

La cucina dell'Alaska è prevalentemente a base di pesce: il salmone, tanto amato dagli orsi bruni, è anche il protagonista dei piatti locali più tipici e prelibati e lo potrete gustare affumicato, grigliato, cotto al vapore, insaporito da salse varie e così via! Imperdibili sono i Salmon Bake, ossia dei barbecue all-you-can-eat di salmoni appena pescati che costano circa 30$ a persona.

Altro "signore" della tavola è lo squisito e costosissimo granchio reale, le cui gigantesche chele vengono cotte al vapore e condite con burro fuso aromatizzato. ll cosiddetto "Captain's Platter", invece, è un piatto, ricco e sostanzioso, di gamberi, halibut e molluschi fritti. Ottimi sono anche i bocconcini di halibut fritti dopo essere stati marinati nella birra e le gustose zuppe di pesce.

Per quanto riguarda la carne, se non avete troppe remore, potrete gustare succulenti piatti a base di alce, caribù e cervo. Sembrerà strano, ma in Alaska sono molto diffusi e amati i ristoranti cinesi, che offrono spesso menù all-you-can-eat a prezzi molto convenienti (10$ a pranzo, 15$ a cena). Spettacolari, per la colazione, sono, infine, i sourdough pancakes (ossia realizzati con lievito madre) con mirtilli e Birch syrup, lo sciroppo di betulla, simile allo sciroppo d'acero, ma meno dolce.

Ultimo consiglio: assaggiate assolutamente i salmonberry (bacche gialle o arancioni che sembrano lamponi) e i mirtilli rossi, con cui si preparano buonissime marmellate e gelatine. Tra i migliori ristoranti di Anchorage, spiccano il raffinato e panoramico Simon & Seafort's Saloon & Grill e il rustico e allegro Humpy's Great Alaskan Alehouse.

Se scegliete il primo, vi consigliamo calorosamente di assaggiare l'Alaskan Ceviche, con granchio reale, halibut, gamberi, avocado, lime, tequila e tortilla chips. Se optate per il secondo, invece, sappiate che l'hamburger di salmone con salsa tartara alla birra è uno dei piatti più richiesti e saporiti!

Il weekend, per il brunch, invece, ordinate assolutamente l'omelette al granchio reale: non dimenticherete tanto facilmente il suo inaspettatamente eccezionale sapore! A Fairbanks, tra i migliori ristoranti, spiccano il Wolf Run, il Beijing Hot Pot e l'Ivory Jack's, molto famoso per i suoi funghi ripieni di granchio serviti su pane all'aglio.

Dove dormire

In Alaska ci sono diverse soluzioni di pernottamento, dagli hotel stellati agli iconici motel.

Se il vostro budget è relativamente alto, avrete a vostra disposizione diverse e lussuose opzioni. Nel centro di Anchorage, ad esempio, vi aspetta il Captain Cook, che offre, oltre ad eleganti camere e suite, anche un ottimo ristorante, una boutique, una spa con piscina, jacuzzi, sauna e bagno turco e una palestra con attrezzi e macchine. Il costo medio a notte per una camera doppia con colazione è di circa 170€.

Molto raccomandati sono anche l'EmbassySuites by Hilton Anchorage e il Crowne Plaza Anchorage-Midtown. Se preferite una soluzione più economica, invece, vi suggeriamo l'AspenSuites Anchorage e il Clarion Suites Downtown Anchorage, i cui costi vanno da 60 a 80$ a notte in camera doppia con colazione. A Fairbanks, l'Alaska Heritage House è una scelta ottima, elegante e conveniente.

Questo grazioso bed and breakfast occupa una casa registrata come bene storico, costruita nel 1916 dal ricco ristoratore Arthur Williams per la sua amata Lucille. Nelle sue stanze vi sembrerà di tornare indietro nel tempo e di essere protagoniste di una romantica storia d'amore. Tra le altre opzioni, risaltano il colorato B&B Ah Rose Marie e il Wedgewood Resort.

Vi abbiamo convinto a partire? Quale delle attrazioni che l'Alaska offre vi ha intrigato di più?

Fonte articolo originale

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su DestinazioneUSA.com !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social