31/01/2019 – Meteo, da New York a Chicago nella morsa del gelo: Usa più freddi del Polo. Aerei a terra, temperature fino a -50°

Condividi questo articolo su :

Hits: 58

Emergenza per 90 milioni di americani: sette morti. «Rischio di congelamento in soli dieci minuti». Otto morti: anche uno studente 18enne dell’università dell’Iowa

Il gelo che ha investito gli Stati Uniti centrali, con temperature più fredde di alcune zone polari, ha già provocato oltre 2 mila voli cancellati e otto morti: l’ultimo è uno studente del campus dell’università dell’Iowa trovato in fin di vita nella hall dell’ateneo alle tre di notte. Nel Midwest le autorità invitano a non uscire di casa, se non per necessità, per il rischio di congelamenti nel giro di dieci minuti. Nell’area di Chicago la temperatura percepita ha toccato i -50°C a causa del vento. «È tutto causato dallo stratwarming, il riscaldamento improvviso della stratosfera», spiega Salvatore Pascale, ricercatore in scienze atmosferiche all’Università di Princeton.

Il tweet (sbagliato) di Trump

La cosa non è intuitiva. Di certo non lo è per Donald Trump che ha fatto un tweet chiedendo che fine ha fatto il global waming(errore di ortografia incluso). I meteorologi spiegano quanto sta avvenendo con la rottura del vortice polare causato dallo stratwarming. E cioè: «Un forte riscaldamento della stratosfera si ripercuote dopo alcune settimane sulla parte inferiore dell’atmosfera (troposfera) alterando e indebolendo il vortice polare, la depressione centrata sul Polo che gira in senso antiorario», prosegue lo studioso italiano. «Di conseguenza il vortice sviluppa “lobi” che favoriscono la discesa di aria polare e viceversa la risalita di aria più calda fino al Polo».

Il vortice polare

Quando un lobo è molto pronunciato, il vortice può rompersi e interessare per diversi giorni le medie latitudini. Già l’inverno scorso negli Usa si era verificato un fenomeno simile con temperature di -40 gradi. Eventi paragonabili risalgono al 1963 e al 1985. L’intrusione, il mese scorso, di una massa di aria calda che è risalita nell’Artico ha provocato la situazione attuale ma, nota Pascale, «fa parte della normale dinamica dell’atmosfera delle medie latitudini, anche se recenti studi suggeriscono che con il veloce riscaldamento dell’Artico e la scomparsa della banchisa ghiacciata il vortice polare possa indebolirsi e sviluppare più di frequente questi grandi meandri. Ma su questo non c’è ancora unanimità tra gli scienziati».

 

 

 

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su DestinazioneUSA.com !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social