Entrare nella maestosa onda di roccia dell’Arizona presto sarà più facile

Condividi questo articolo su :

L'ingresso al The Wave è una lotteria, nel vero senso della parola. Ma presto a più visitatori sarà data la possibilità di mettere piede fra le incredibili onde rocciose dell'Arizona. Finora l'accesso allo stroboscopico sito giurassico di Coyotes Buttes era limitato a 20 escursionisti al giorno per proteggere l'integrità e la bellezza della fragile struttura. Ma vista la crescente richiesta, il Bureau of Land Management sta valutando la possibilità di aumentare il numero di visitatori giornalieri a 96. Quasi cinque volte di più.

Una scelta in controtendenza con molte altre mete turistiche che stanno chiudendo o limitando gli accessi per preservare la natura, che però non dovrebbe avere conseguenze sull'ecosistema della zona. «Il cambiamento proposto aumenterebbe le opportunità ricettive e l'accesso dei visitatori preservandone i valori naturali», hanno dichiarato i proponenti. Ma questo non è bastato per non scatenare preoccupazioni in merito alla sostenibilità della scelta, la cui approvazione/attivazione è prevista per ottobre.

In attesa del cambiamento, rimangono le stesse modalità di prenotazione: dieci dei permessi giornalieri possono essere prenotati online con quattro mesi di anticipo, tramite una lotteria che costa 5 dollari, 4,5 euro, non rimborsabili. Gli altri dieci vengono distribuiti dal centro visitatori di Kanab, in base all'ordine di arrivo, al costo di 7 dollari, 6,3 euro. Pagano lo stesso anche i cani.

Per percorrere i 9,5 chilometri andata e ritorno fra le incredibili onde di pietra rossa del Coyote Buttes North, lo scorso anno scorso sono state fatte 150 mila domande di cui solo 7300 che state accolte. Con le nuove regole, potranno arrivare a 35 mila gli ingressi annui. Molto più di adesso ma comunque nulla in confronto alla domanda.

 

Fonte articolo originale

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su DestinazioneUSA.com !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social