A NY apre lo Shed, polo per le nuove avanguardie

Condividi questo articolo su :

"Dall'esterno non sembra un edificio, ma un giardino sospeso inventato da un alieno": l'architetta Liz Diller parla dello Shed, la sua ultima creazione, che il 5 aprile aprirà al pubblico creando una cerniera tra la High Line e i nuovi Hudson Yards. "Un luogo per l'invenzione, la curiosità e il rischio", ha detto il CEO Dan Doctoroff, presentando alla stampa il nuovo centro per le arti e l'avanguardia concepito nel 2008 - l'anno del grande crack di Wall Street quando tutto sembrava impossibile - come "istituzione anti-istituzionale pensata per un futuro che ancora nessuno avrebbe potuto immaginare".

A NY apre lo Shed, polo per le nuove avanguardie
Un rendering del 'The Shed', il centro poliartistico trasformabile lungo l'Hudson a New York

Il mondo delle arti di New York si sposta dunque sempre di più verso l'Hudson e lo fa all'insegna di tre valori: flessibilità, futuro e impegno civico. I prezzi di ingresso, per buona parte della programmazione, saranno alla portata di tutti. Il Gotha dell'arte, del teatro, della danza, della poesia, del cinema, della musica classica e del pop si è mobilitato per tenere a battesimo l'edificio avveniristico disegnato da Diller Scofidio + Renfro in collaborazione con il Rockwell Group: "Volevamo un edificio in grado di creare parità tra tutte le forme artistiche, senza più distinzioni tra arte alta e arte bassa", ha detto il direttore Alex Potts, arrivato allo Shed dopo esser stato al timone della Park Avenue Armory e del Manchester International Film Festival. Le combinazioni sono imprevedibili, dinamiche come le trasformazioni degli spazi dello Shed per accogliere performance e installazioni di ogni genere.

A NY apre lo Shed, polo per le nuove avanguardie

Si comincia il 5 aprile con la serie di cinque concerti "Sountrack of America" concepita e diretta dal regista Steve McQueen con Quincy Jones e Maureen Mahon per celebrare l'impatto della musica afro-americana dalle origini a oggi attraverso performance di una nuova generazione di artisti. Poi due prime mondiali: Reich Richter Pärt, una installazione che coniuga musica e arte di Steve Reich, Gerhard Richter e Arvo Pärt e Norma Jean Baker of Troy, performance parlata e cantata scritta dalla potesea e classicista Ann Carson con Ben Whishaw di "A Very British Scandal" e la soprano Renee Fleming.

Due piani di gallerie, un teatro da 500 posti, una sala multiuso per performance che siede 1250 persone più 2000 posti in piedi, spazi per le prove e installazioni e uno spazi per eventi all'ultimo piano convinta del Vessel hanno un costo: oltre mezzo miliardi di dollari, tra edificio, organizzazione e programmi. "New York ha oltre 1200 istituzioni culturali. Abbiamo voluto dare a New York qualcosa che finora non aveva", ha detto Doctoroff secondo cui il nuovo polo culturale costruito su terreno comunale "sarà una piattaforma per permettere agli artisti di inseguire i loro sogni". Il tutto e di più grazie a una donazione originaria di 75 milioni di dollari del tycoon ed ex sindaco di New York Michael Bloomberg: l'edificio dello Shed sarà intitolato a suo nome.

Fonte articolo originale

A NY apre lo Shed, polo per le nuove avanguardieA NY apre lo Shed, polo per le nuove avanguardieA NY apre lo Shed, polo per le nuove avanguardieA NY apre lo Shed, polo per le nuove avanguardieA NY apre lo Shed, polo per le nuove avanguardieA NY apre lo Shed, polo per le nuove avanguardieA NY apre lo Shed, polo per le nuove avanguardieA NY apre lo Shed, polo per le nuove avanguardieA NY apre lo Shed, polo per le nuove avanguardieA NY apre lo Shed, polo per le nuove avanguardie

Offerte Hotel a New York

Booking.com
Condividi questo articolo su :

Benvenuto su DestinazioneUSA.com !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social