Tra squali e pillole, come si dorme nella suite di Damien Hirst a Las Vegas

Condividi questo articolo su :

Hits: 6

Las Vegas. La città americana dove tutto è possibile. Anche dormire in una stanza con squali, farfalle, diamanti e farmaci di ogni genere. L’eclettico Damien Hirst è l\'artista che ha firmato Empathy Suite nel Palms Casino Resort sulla West Flamingo Road.

Nato a Bristol, classe 1965, Hirst è famoso per opere ai limiti del macabro, tra animali sotto formaldeide e i teschi tempestati di diamanti. La Empathy Suite di Damien Hirst fa parte delle Sky Villas del resort, cinque ville con vista panoramica sulla città descritte dalla proprietà come altrettante esperienze indimenticabili.

image
Courtesy Palms Casino Resort

I collezionisti d’arte Frank e Lorenzo Fertitta, proprietari del Palms, di recente hanno avviato una ristrutturazione da 690 milioni di dollari (circa 609 milioni di euro), volta a trasformare la proprietà in un luogo in cui l\'arte sia parte integrante dell\'hotel.

"Adoro quello che Frank e Lorenzo Fertitta hanno fatto con il Palms", ha detto Hirst. "È incredibile poter lavorare con loro perché sono grandi collezionisti e comprendono perfettamente il mondo dell\'arte".

Con i suoi 836 mq di superficie, Empathy Suite occupa due interi piani del Palms e offre due camere matrimoniali, una piscina all\'aperto con vista sulla Las Vegas Strip, numerosi ambienti che possono ospitare fino a oltre 50 persone, sale massaggi, una sala relax al sale, una palestra, due bagni e un bagno di servizio.

image
Courtesy Palms Casino Resort

Per la realizzazione della suite più costosa al mondo Damien Hirst ha collaborato con la società newyorkese Bentel & Bentel Architects e lo studio locale Klai Juba Wald Architects, ma la sua vena artistica è ciò che contraddistingue l’intero progetto: dai mobili ai tessuti, arricchiti dai suoi disegni, fino a sei opere d\'arte originali. La più drammatica è Winner / Loser, due squali toro sotto formaldeide sospesi in una vasca trasparente.

image
Courtesy Palms Casino Resort

Altra opera a tema marino è la gigantesca lisca di pesce sopra al bancone bar, chiamata Here For A Good Time Not a Long Time. Non mancano anche i riferimenti alla droga, che qui viene intesa come pura assuefazione dai farmaci, come Monet, il mobile traslucido occupato da una collezione di pillole (riprodotte in vinile), accanto ad un tavolo da pranzo per sei persone. Un altro armadietto, The Winner Takes It All, è pieno di gemme di zirconi.

image
Courtesy Palms Casino Resort

In tutti gli ambienti della suite di Damien Hirst a Las Vegas tornano le riproduzioni di farfalle, teschi e pillole, con intarsi presenti sia sulle pareti che nei pavimenti e nella tappezzeria, mentre le finiture bianche e cromate conferiscono un aspetto contemporaneo agli interni.

image
Courtesy Palms Casino Resort

È possibile prenotare la suite al prezzo di 100 mila dollari per notte, l’equivalente di poco più di 88 milioni di euro. Al momento si tratta della camera d\'albergo più costosa al mondo.

image
Courtesy Palms Casino Resort

damienhirst.com

bentelandbentel.com

klaijubawald.com

Fonte articolo originale

Booking.com
Condividi questo articolo su :

Benvenuto su DestinazioneUSA.com !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social