offerte stati unitilastminute stati uniti
 [Home]   [Nuovo articolo]   [Forums]   [Galleria Foto]   [Telecamere]   [Informazioni sugli USA]   [Siti sugli USA]   [Mappa del sito]   [Cerca nel sito
  Nuovo Utente / Accesso utente Non ci sono messaggi per Anonymous Utenti registrati:   
------|    Il sud ovest americano viaggio on the road....formato famiglia - 2010-08-23 21:46:56 - di miki    ||    Viaggi per passione nel SouthWest - 2010-04-19 21:33:15 - di andreausa    ||    Alla scoperta della West Coast - 2009-03-24 23:52:31 - di KARLAMATO    ||    Rodeo for Beginners - 2008-12-21 11:16:57 - di webmaster    ||    Trip to Yellowstone - 2008-10-09 21:41:38 - di webmaster    ||    California e Parchi del West - 2008-10-06 21:25:31 - di nilla    |------

Offerte Tour Operator Esteri

web
DestinazioneUSA.com
Offerte viaggi scontate
Menù Principale
Home
 Info and storys of travel
 Info et récits de voyage
 Info y storys del recorrido
 Info/Storys spielraums
Offerte di viaggio
 Prenota Hotel Stati Uniti
 Offerte di volo Stati Uniti
 Offerte noleggio auto
 American Express Gratis!
Immagini & Webcam
 Foto dagli Stati Uniti
 Webcam negli USA
Informazioni utili
 Cerca nel sito
 Articoli sugli Stati Uniti
 Racconti di viaggio
 Archivio
 Forums
 Siti sugli USA
 Ricette americane
 I 50 stati
 Informazioni Utili
 La cucina negli Stati Uniti
 Visti - Green Card
 Mappe USA in pdf
 Notizie curiose dagli USA
Utilità varie
 Downloads
 AvantGo
 Mappe e guide Stati Uniti
 Il tempo negli USA
 Usa Today News
 Accadde oggi
 Conversione valute
 Web TV OnLine
 Cerca in DMOZ
Utente
 Il tuo profilo / Login
 Scrivi al webmaster
 Top 30 di DestinazioneUSA
Siti partner
 Segnala questo sito
 Link a questo sito
 Siti Partner
 Le nostre news sul tuo sito

Notizie curiose dagli USA
· In vendita su Ebay museo dedicato a Elvis 'ancora vivo'
· Ruba identita' figlia per diventare ragazza pon-pon
· Mangia al ristorante e lascia un cavallo come mancia
· Liceo chiuso per "polli"
· Altre leggi assurde
· New York - A spasso con il morto
· Licenziato per alito pesante
· Insulta il water: assolta!
· Condannata a 10 anni dipendente Coca Cola
· Usa: crescono i cimiteri trasformati in luna park

[ Altre... ]

Offerte libri USA (BOL)
Compra su BOL




Meteo USA
Could not open Yahoo Weather Page

I nostri partner
Hotel scontati in tutto il mondo
Biglietti da visita, sconto 25%

Statistiche & Counter

Racconti di viaggio: California e Parchi del West
Inviato da webmaster su ( letture)
West USAnilla scrive "Gran bel viaggio che mi ha permesso di visitare i luoghi più significativi della California e i principali parchi del West!

19/08/2007
Incredibile, dopo anni di attesa sono finalmente sull'aereo in viaggio verso gli U.S.A
Siamo un gruppo di otto persone, 7 adulti ed un ragazzo di 13 anni.

Sveglia alle 3,00 - Partiamo da casa verso le 4,15 e dall'aeroporto di Malpensa con la British Airways alle 8,20.
Abbiamo fatto un primo check-in self-service, convinti di risparmiare tempo aiutati anche da una hostes gentile, ma poi abbiamo comunque dovuto rifare tutto al check-in tradizionale. Non siamo riusciti ad avere tutti i posti vicini, due di noi sono lontani dal gruppo, pazienza.
Facciamo scalo a Londra LHR. Naturalmente atterriamo dopo aver attraversato le solite nubi che nel ciel di Londra non mancano mai.
Controlli di sicurezza: dobbiamo togliere le scarpe, e chi scrive, anche la cintura.
Partiamo quindi da Londra alle ore 11,00 locali, sorvoliamo l'Islanda, il sud della Groenlandia e già ci emozioniamo nel vedere le distese dei ghiacciai e i mille iceberg dei quali dall'alto non riusciamo a capirne le dimensioni. Il video davanti a noi, che ci illustra la mappa del viaggio, ci indica che stiamo sorvolando Calgary in Canada e poi giù lungo la California fino alla mitica baia che si svela sotto di noi regalandoci la mistica visione di un Golden Gate appena accennato dai rossi piloni che a stento emergono dalla nebbia che, ahimè, sembra sia frequente proprio in questo periodo.
Ore 13,40: Emozionante l'atterraggio, perfetto, anticipato da uno scambio di sguardi, a tu per tu, ...... con la superficie delle acque della baia.
All'arrivo iniziano i vari controlli, oltre alle scarpe, tolgo la cintura e in più mi perquisiscono, solo io fra tutti noi, la signora che mi perquisisce fa una battuta sul fatto che sono alta .... quindi valgo due??!!
Al controllo passaporti, prendono anche le impronte digitali (i due indici) e ci fotografano.
Consegnamo la dichiarazione per la dogana ed il modulo verde I-94W. Di quest'ultimo ci viene pinzato sul passaporto un tagliando che dovremo poi restituire al rientro. Molto importante!
Ulteriori domande su che fine hanno fatto i passaporti vecchi, mah!? Sono scaduti!!
Respiro di sollievo! Le valige sono tutte con noi, riconoscibili dall'involucro verde con cui sono state avvolte alla partenza (molto comodo).
Ben due orologi si sono fermati....a causa dei metal detector o semplice coincidenza??
Abbiamo prenotato via internet un pulmino da 12 posti, speriamo così di stare comodi: noi e le valige (6 valige e 8 bagagli a mano)
Ci dirigiamo quindi verso la stazione di noleggio tramite un trenino apposito.
Mitico pulmino amaranto targato Nevada;
ci accompagnerà per tutto il viaggio anche “Luisa” - così abbiamo chiamato il navigatore satellitare che parla benissimo italiano!!!!
Waw! Siamo sulla 101 verso Nord, puntiamo dritto alla Lombard Street dove abbiamo prenotato l'albergo.
A proposito, abbiamo ritenuto opportuno prenotare tutti gli alberghi dall'Italia, via internet.
Certo questo ci impone delle tappe obbligate, ma siamo tutti più tranquilli; questo periodo e tra quelli più affollati di turisti e abbiamo previsto tragitti molto lunghi quindi non avremmo avuto il tempo e la voglia di cercare di volta in volta le sistemazioni per la notte.
San Francisco ci accoglie, come si dice, in tutto il suo splendore.
Ci sistemiamo in motel, mangiamo qualche cosa in un vicino ristorante spendendo in media 25 dollari a testa.
25/30 dollari sarà la media di quello che pagheremo nei ristoranti. Diversamente, presso i Denny's, Subway, ecc., la media della spesa non andrà oltre i 12/13 dollari a testa.
Siamo stravolti andiamo a dormire verso le 11,00 pm ora di San Francisco..... siamo in ballo da ben 29 ore!!!!

20/08/2007
Sveglia al mattino per visitare Frisco, ahimè, causa emicrania...fuori uno!. Gli altri iniziano a visitare la città con un city sightseeing tour, partendo da Union Square.
Questo tour è molto utile per avere una immediata idea di San Francisco down town, lungo il percorso si vedranno oltre Union Square (Grandi magazzini, Teatri, Cable Car), Chinatown Gate (Pagoda Gates, Shopping, Restaurant), Financial District (Transamerica Pyramid, Bank of America Building), North Beach (Ristoranti italiani, Coit Tower, Washington Square), Lombard Street (Russian Hill, la collina con le ripide curve in mezzo ai fiori), Fisherman's Wharf (Pier 39, partenze per le crociere nella baia, Alcatraz, negozi, ecc.).
Risolta l'emicrania, il gruppo si riunisce e si va a mangiare al Pier 39 – Incredibili le portare all' “all you can eat”!!!
Pier 39 è un vecchio molo ora dedicato tutto al turismo, pieno di negozi, ristoranti e turisti....quanti italiani!!! Sarà perchè l'euro è più forte o è sempre stato così??
In tutti questi negozzi c'è da perdersi, tra poster, magliette cappellini, perle ancora chiuse nelle ostriche...
Tutto molto bello. Alle spalle del Pier 39 si eleva la collina Telegraph Hill con la famosa Coit Tower e si riconosce tra i vari palazzi la Transamerica Pyramid simbolo del distretto finanziario della città.
Riconosciamo l'isola di Alcatraz e il Bay Bridge, ma il Golden Gate fa mostra di sè solo parzialmente alternandosi con la solita nebbia che dall'oceano cerca spazio nella baia, ma che poi si ferma lì giusto giusto per nasconderci il ponte d'oro.
Andiamo poi verso il Fisherman's Wharf, anch'esso pieno di negozzi, con l'intenzione di prendere il sightseeing bus e finire il viaggio iniziato al mattino, ma contrariamente a quanto scritto sulla brochure, l'ultima partenza è stata alle cinque e noi siamo in ritardo, la prossima sarà alle sei, ma siccome è considerato night tour ci vuole un biglietto diverso. Poco male, i nostri biglietti sono considerati validi anche per quando saremo di ritorno a S.Francisco alla fine del viaggio, quindi rimandiamo il tour a fra quindici giorni.
Partiamo quindi per Alamo Square, bellissima piazza caratterizzata dalle tipiche villette vittoriane alle cui spalle si innalza lo skyline della città. Ehi, ma qui fa freddo!!
Siamo quasi al tramonto quindi ci affrettiamo verso le Twin Peaks. Da non perdere! Si tratta di una collina, dalla cui sommità si vede la città e la baia ... e al tramonto....beh è da vedere!!
Fa sempre freddo!!! tipo 15 gradi con vento.


21/08/2007
S.Francisco-Monterey-Big Sur-Merced
Partenza per Monterey
Purtroppo c'è la nebbia.
Attraversiamo il Presidio prendendo l'Hw 1, ma non vediamo molto; attraversiamo San Josè e proseguiamo oltre. Intuiamo la presenza dell'Oceano Pacifico alla nostra destra, ma non riusciamo a vederlo. Sulla strada ci fermiamo a comprare della frutta da un negozio lungo la strada. C'è anche una fontanella per poterla lavare e mangiare subito. Buonissima! Un cartello ci comunica che nei campi lungo la strada i carciofi stanno crescendo!!
Arriviamo quindi a Monterey. La nebbia si è alzata leggermente. Andiamo subito al Fisherman's Wharf, mangiamo una zuppa di granchio proprio niente male. Passeggiata tra negozietti vari, molto carino!
A Monterey cè' un bel acquario, ma purtroppo noi non abbiamo tempo di visitarlo.
Proseguiamo il nostro viaggio percorrendo la 17 Miles Drive: è una strada che svolge il suo percorso all'interno di una zona privata a pagamento (9 $ totale). Ci sono ville incredibili e naturalmente campi da golf di un verde abbagliante. Ci fermiamo alla Spanish Bay e bagnamo i piedi nell'Oceano..Freddino!!
Fotografiamo un giocatore di golf alle prese con un tiro che deve attraversare una lingua di oceano per atterrare dalla parte dove si trova la buca. Mi diranno poi che questa è la buca da golf più famosa del mondo!! E costosa penso.
Bella la costa, anche se secondo me certe nostre coste del sud d'Italia non hanno nulla da invidiare.
Fotografiamo l'imperdibile Lone Cypress e gli alberi fantasma di “The Gost Tree”.
Passiamo velocemente da Carmel, la cittadina di cui è stato sindaco Clint Eastwood.
Proseguiamo quindi verso Big Sur, tenendo d'occhio la bella Luisa, che già ci evidenzia che arriveremo a Merced molto tardi. Arriviamo fino alla vista del ponte di ferro poi decidiamo di tornare indietro. Questa bellissima costa è stata resa famosa anche dagli scrittori della beat generation, il movimento letterario degli anni 50/60 che ha fatto da base allo sviluppo successivo del movimento hippy.
Il panorama che attraversiamo andando verso Merced è alquanto diverso. Il caldo sta aumentando repentinamente, la vegetazione è brulla, sembrano le colline toscane ad Agosto, solo che non si vedono centri abitati per lungo tempo. Ad un certo punto passiamo vicino ad una diga il cui paramento è ben camuffato, essendo stato ricoperto dalla terra; sembra uno sbarramento naturale...evidentemente non è alto come le dighe che siamo abituati a vedere noi tra le nostre Alpi.
Arrivati a Merced ormai notte, ci accoglie un caldo torrido! Che differenza da questa mattina!
Mangiamo al nostro primo Subway, catena che troveremo comodissima: puoi scegliere come fare il tuo panino (dal tipo e dimensione del pane alle insalate ecc.).
Le ragazze stavano già chiudendo il locale (alle 9,00 di sera!!), ma molto gentilmente quando ci hanno visto arrivare ci hanno aperto.


22/08/2007
Merced-Mariposa-Yosemite-Mono Lake-Bishop
Fotograferei tutto, tutto quello che fa tanto America. Le concessionarie delle auto addobbate a festa con tutte le bandierine, i trucks, gli astanti nei bar ... che americani!!!! Le girls con le ampie gonne, gli uomini con stivali, cappelli da cawboy.....ma siamo proprio nel west!!!
Arriviamo nel parco dello Yosemite (pass 20$), meta di appassionati di trekking e soprattutto di alpinisti, scalatori. Il paesaggio è piuttosto simile alle nostre Alpi, ma molto molto più esteso. Bellissima la veduta da Glacier Point da cui si vede bene Half Dom ed anche alcune cascate .
Andando poi verso il villaggio abbiamo una veduta del mitico El Capitan, una parete verticale di 1000 metri, che i più coraggiosi scalano in due giorni dormendo appesi a metà scalata!!
Al villaggio, tanti turisti, metà italiani. Sembra di essere in Italia! Mangiamo, poi riprendiamo il nostro viaggio verso il Tioga Pass.
Durante il percorso scorgiamo, tra il bosco un orsetto tutto nero, ma non facciamo in tempo a fotografarlo. I paesaggi che si sussegguono, alla luce obbliqua del tramonto, sono incantevoli. In una landa scorgiamo una famiglia di cervi.
Sta già calando la sera quando arriviamo a vedere il Mono Lake, proseguiamo quindi verso Bishop dove passiamo la notte.

23/08/2007
Bishop-Death Valley-Las Vegas
Riposati e “mangiati” partiamo per la Valle della Morte. Incredibile il paesaggio lunare. La Valle è proprio una valle, cioè si scende fino a 86 metri sotto il livello del mare e poi si risale.
Abbiamo mangiato a Furnace Creek: che nome approppriato (siamo sui 45°C)!
Ci sono dei piccoli corvi neri che stanno con il becco aperto per respirare meglio, e come in un film di Hitchock ti seguono con fare minaccioso per vedere se gli dai da mangiare....brrrr!!!
E' tutto un susseguirsi di colori tenui che vanno dal giallo, al rosa, al verdino, ma tutto molto leggero.
Mamma che caldo! Andiamo a Zabriskie Point (47°C), da non perdere la veduta sulle dune pietrificate rese famose anche dal film di Michelangelo Antonioni.
Proseguiamo verso Las Vegas. All'improvviso come un miraggio appare la città.
Ci sistemiamo in albergo, bagno in piscina, e poi via per la serata!
Mangiamo e poi saliamo sulla Stratosphere Tower (330 metri circa) da cui si gode la vista di un paesaggio mozzafiato su tutta Las Vegas, che da quest'altezza sembra non finire mai.
In alto sulla torre ci sono delle giostre sospese nel vuoto......
Cerchiamo parcheggio vicino ai casinò lungo lo Strip (la famosa strada su cui si affacciano i casinò più famosi), ma ahimè il nostro bus è troppo alto e non ci passa (altezza massima 6 piedi e poco più). Dobbiamo posteggiare abbastanza lontano.
Magnifico spettacolo di luci e suoni con i giochi d'acqua delle fontane del Mirage, bello anche lo spettacolo del vulcano al Bellagio. Bellissimo il Venetian Casinò, ci sono anche le gondole.
Al Cesar Palace proviamo a giocare un poco alle slot, ma siccome c'è un ragazzino minorenne ben due “agenti” gli dicono di stare alla larga, così proseguiamo.
Tutto splendido e scintillante......e tutto questo in mezzo al deserto!!!


24/08/2007
Las Vegas-Zion Park-Kanab
Lasciamo Vegas con il rimpianto di non avere avuto quache giorno in più per visitarla meglio, ma il sentimento del rimpianto è sentito quotidianamente in quanto i posti sono sempre stupendi ed il tempo tiranno.
Percorriamo la I15 verso nord.
Usciamo dal Nevada, percorriamo per un breve tratto l'Arizona, ed entriamo poi in Utah.
Arriviamo all'entrata dello Zion Park (entrata 25$). Decidiamo di fermarci al Visitor Center e mangiare qualcosa.
Incontriamo una simpatica signora di origini italiane nata in America che ci dà il benvenuto in Utah.
Ovviamente non abbiamo il tempo di visitare tutto il parco, ma possiamo solo attraversarlo. Non voglio pensare a tutto quello he ci stiamo perdendo!
Lungo il percorso si incontra una parete di roccia nella quale comincia a delinearsi quello che in futuro futuro diventerà un arco. Poi si susseguono rocce di sfumature diverse. Fino ad una formazione a forma di panettone con la parte finale tutta bianca tornita che ci ricorda tanto la panna montata. Eppure abbiamo mangiato!!
Su un pendio troviamo un branco di ungulati (capre, caprioli??).
Arriviamo a Kanab per la notte, ci sistemiamo in camera poi bagnetto in piscina.
Siamo arrivati alla vigilia di una festa country. Incontriamo per strada gente adeguatamente vestita. Che belli!! C'è in piazza anche un trio che suona. Tutto molto americano.
Mangiamo cena, ma alle nove ci dicono chiude il locale!!!! Orari mormoni!.
Prendere nota: in questa zona i telefonini non funzionano. Ma io mi trovo benissimo con le carte telefoniche: funzionano ovunque.

25/08/2007
Kanab-Bryce Canyon- UT12- Torrey
Arriviamo nei pressi del Bryce Canyon dove ci sono negozi, ristoranti e un mini villaggio stile far west, il Best Western Ruby's Inn e il General Store. Ci sono delle magnifiche pietre (provenienti dalle foreste pietrificate).
Arriviamo alla vista dell'anfiteatro.........STUPEFACENTE!!! (Sunset point)
Migliaia di guglie e pinnacoli, si innalzano maestosi, disposti lungo un anfiteatro; sembrano ansiosi e attenti spettatori di uno spettacolo che sta per iniziare. Sembrano tante sentinelle il cui sguardo rivolto all'orizzonte attende il miracolo quotidiano del sorgere del sole dal quale pretendono la luce per accendersi di rosso fuoco, al fine di stupire e far vergognare coloro che ignoranti credevano di avere visto tutto.
Va be! Se non ho reso l'idea non resta che visitarlo!!!
Abbiamo percorso un sentiero facilmente percorribile in discesa un pò più arduo in salita (ah, ah), ma vale la pena, perchè scendendo verso la base delle guglie la colorazione rossa si accende ancora di più e crea un contrasto notevole con il blu del cielo ed il verde della vegetazione.
Riprendiamo il pulmino e andiamo in un altro “vista point” l'”inspiration”: molto bello anche qui. Da questo punto si capisce molto bene il fenomeno erosivo che ha portato alla creazione di queste formazioni.
Mangiamo e poi via di nuovo on the road sulla scenic State Road 12.
Questa è veramente una strada super! Ogni angolo, ogni sguardo rivela colori diversi, si passa attraverso il Grand Staircase – Escalante National Monument. Facciamo una deviazione per visitare il Krodacrome Basin, che ci regala la vista di Geyser pietrificati, ci sarebbe da visitare anche un arco, ma la strada è chiusa ??!! (Grosvenor Arch)
In serata arriviamo al visitor center degli indiani Anasazi, sta per chiudere, riusciamo comunque a fare una visita infatti è piccolo e c'è poco da vedere, ma il ranger è molto simpatico ed è un appassionato di ciclismo e del giro d'Italia.
Arriviamo dunque a Torrey dove dopo aver mangiato in un subway ci rilassiamo nella piscina interna del motel e poi a nanna.

26/08/2007
Sveglia all'alba! Oggi ci attende un lungo percorso.
Torrey-Monument Valley-Flagstaff.
Da Torrey proseguiamo verso Hanksville da dove prendiamo la 95 e scendiamo verso Glen Canyon, arriviamo alla vista del Colorado River dall'alto, ovviamente uno spettacolo, poi lo attraversiamo e ci dirigiamo verso il Natural Bridges N.P.: visitiamo i tre ponti formatisi dall'erosione dell'acqua.
L'ideale sarebbe fare il tragitto a piedi per poter vedere i ponti da sotto, da sopra infatti si appiattiscono un po' e perdono parte della loro bellezza. Ci attraversa la strada un coyote: sicuramente Billy!!!
Riprendiamo il nostro viaggio e prendiamo la 261........
Dopo qualche miglia accompagnati da arbusti verdi, alti anche circa due metri, una curva e ....
davanti a noi la strada scende ripidissima verso un deserto rosso-marrone.....non sembra neanche vero....stiamo percorrendo quella che scopriremo poi essere la Moghee Dugway. Pendenza: TROPPO% - MOZZAFIATO!!
Giungiamo poi a Mexican Hat, la roccia a forma di sombrero, cappello messicano appunto.
E poi ... ecco che entriamo nella terra dei Navajo.
Ecco, ecco, la in fondo CHE BATTICUORE , abbiamo davanti a noi la strada che ci porterà alla mitica miticissima Monument Valley, mille mille foto già da qui. Non si contano poi quelle fatte all'interno del parco.
Io sono letteralmente in un'altra dimensione, mi sembra irreale essere qui.
Grandissima commozione quando proprio mentre sto pagando l'entrata al parco dal cd in auto inizia il brano di Morricone “c'era una volta il west”!!
Il cielo non è limpido anzi in lontananza si sono visti un paio di fulmini. C'è anche un po' di vento e, cribbio, mi rovinerà la macchina digitale.
Beh io a questo punto sono in paradiso, mi ci vorrà un po' per scendere di nuovo a terra.
Arriviamo a Flagstaff molto tardi. Il motel è sulla 66 ed è molto accogliente, c'è una bella piscina, ma la possiamo solo guardare: siamo stanchi morti.


27/08/2007
Flagstaff-Gran Canyon. Painted desert – Flagstaff
Al mattino partiamo verso il Grand Canyon, attraversiamo la Coconino Forest che ci regala un sacco di colori, e poi questo grandissimo “buco” talmente profondo e largo che faccio fatica a percepirne il vuoto; ho come la sensazione di stare a guardare un grande poster. Che strana cosa!!
Avevamo pensato ad un giro in elicottero, ma ci sorprende un bel temporalone. Facciamo qualche vista point; perdiamo un pò di tempo per via della segnaletica, giriamo giriamo e ci troviamo sempre allo stesso posto, mah! Non abbiamo visto neanche un'indicazione per quel percorso a sbalzo di nuova apertura. Infatti ce lo siamo proprio perso. Qui sarebbe stato bello prendere uno shuffle, ma è già tardi! Come al solito.
Per rientrare a Flagstaff proseguiamo sulla 64 passando da Desert View, da dove si ha una splendida vista sul Painted Desert. Molto scenografico.


28/08/2007
Flagstaff-Sedona. Calico Ghost Tawn- Barstow
Partenza mangiati alle 8.00
Andiamo verso Sedona attraverso Oak Creek Canyon. Man mano che ci avviciniamo scorgiamo le rocce rosse tra la ricca vegetazione verde. A Sedona poi queste rocce rosse dominano lo sfondo. Sedona è bellissima, una cittadina disegnata tra i colori di una tavolozza di un pittore originale.
E beviamo anche un ottimo espresso. INCREDIBILE.
Partiamo decisi verso Barstow, i chilometri sono tanti e il paesaggio mi aspetto che sarà un po' monotono.
Deserto, deserto deserto. Sempre suggestivo, ma deserto deserto. Vediamo parecchi treni lunghi lunghi lunghi......
Sosta dalle parti di Needles. Ci fermiamo: attimo di panico, prima di aprire la porta del pulmino chiedo a tutti se sono d'accordo, se sanno quello che fanno perchè oltre i finestrini vediamo all'ombra di enormi Truks decine di corvacci grossi e neri immobili con i becchi aperti......ma che caldo fa??!!
DA MORIRE! Corriamo nel locale verso la benedetta aria condizionata prendiamo il minimo necessario perchè il locale lascia un poco a desiderare. E' la prima volta che ho proprio la sensazione di sporco.
Tappa successiva in un Wal-Mart. Il mio primo Wal-Mart. C'è tutto, anzi di più.
Arriviamo in serata a Calico una città fantasma a ridosso di Barstow. Per fortuna arrivando al tramonto, ci godiamo i colori accesi e soprattutto una temperatura umana.
Carina, anche se a quest'ora è già tutto chiuso. Il paesino rende molto l'idea di come erano i villaggi nel secolo scorso.
Arriviamo a Barstow. A nanna.


29/08/2007
Barstow-Sequoia Park-Stockton
Partenza alle 7.00 (Chissa perchè di tanto in tanto mi viene in mente Fantozzi)
Arriviamo a mezzogiorno al Sequoia N.P.
Alcuni lavori in corso ci obbligano ad una fermata imprevista, ma c'è una simpatica ranger che chiacchiera un po' e il tempo passa presto. La strada a salire è tortuosa, ma man mano che si sale si cominciano a vedere le prime sequoie. Sono maestose, i tronchi sono più rossi degli altri alberi, e le dimensioni sono notevoli.
Visitamo il Generale Sherman. Occorre fare una piacevole passeggiata per raggiungerlo. Dei cartelli ci avvisano che la successiva salita per il rientro potrebbe essere difficoltosa per chi ha problemi di respirazione a causa dell'altitudine.
Il Generale non ci delude: è la pianta con il tronco più largo al mondo. La più alta si trova invece nei parchi di sequoie che si trovano sulla costa a nord di S.Francisco.
Vediamo anche un orsetto nero che ci attraversa la strada. Poi in una radura un'altro che si trastulla vicino ad un cespuglio. Fantastici.
Arriviamo a Stockton, tardi, niente piscina.
Per cenare cerchiamo un Denny, “Luisa” fa casino o forse chi l'ha impostata, e invece di arrivare davanti ad un fast food arriviamo davanti ad un negozio chiuso di scarpe “Danny's Shoes”. Questo dopo circa venti minuti di strada!!! Rassegnati prendiamo un panino in uno Store aperto la notte.

30/09/2007
Stockton-Fortuna.
Oggi ci aspetta una tirata di circa 500 chilometri per arrivare in un paesino dove ci sono alcuni parenti.
Paesaggi gradevoli, ma niente a che vedere con quanto visto nei giorni scorsi, e alcuni di noi cominciano ad accusare la stanchezza del viaggio.
Prima di arrivare a Fortuna ci fermiamo a visitare il Richardson Grove N.P. Qui ci sono delle sequoie altissime. Ne compro una di dieci centimetri. La pianterò nel mio giardino, magari non troppo vicino alla casa! (P.S.: è morta dopo due mesi. Sorry!!)
Arriviamo a Fortuna, scarichiamo i bagagli e andiamo alla ricerca dei parenti. Abitano vicino a Ferndale, hanno un ranch con circa 250/300 mucche. Li troviamo! Ecco gli zii d'America, sono proprio loro! Molto molto americanizzati.
Andiamo tutti insieme a cena a Ferndale. Bellissimo paese vittoriano in cui sono stati girati parecchi film proprio per la bellezza delle case sulla Main Street. Qui ahimè c'è la nebbia e fa freddino (l'oceano è vicinissimo).
Incredibile, all'entrata del locale tipico americano c'è un cartina che riporta proprio il tratto delle nostre alpi. Infatti il proprietario è un discendente di un signore emigrato qui dalla Valle Ossola.
Specialità del giorno: polenta!! Noi piemontesi polentoni dall'altra parte del mondo a magiare polenta! Grande!
Quando usciamo dalla sala pranzo, passiamo dal locale bar e meraviglia c'è un'effervescente signora ottantenne, con la chitarra che canta musica country. Non ci sono parole!!

31/08/2007
Lasciamo il motel e passiamo a fare colazione dai parenti.
Con trecento mucche ci danno il cappuccino con il latte delle cialde ordinate via internet!!! Questi americani!
Fortunatamente hanno del latte della latteria del posto da farci assaggiare, ottimo e biologico.
Giro di boa. Partiamo per S.Francisco.
Oggi ci aspetta il Golden Gate.
Lasciamo la strada normale per fare il tratto della Avenue of the Giants, così ci godiamo ancora la vista delle magnifiche sequoie.
Ci fermiamo a mangiare qualche cosa in un paesello, fa molto caldo, prima di salire sul pulmino accendiamo il motore per attivare l'aria condizionata, poi ovviamente chiudiamo la porta..................le chiavi sono dentro e le porte bloccate!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!1
Panico.
Anzi, niente panico, siamo in America.
Tre di noi vanno alla ricerca di un meccanico, carrozziere, insomma qualcuno che sappia cosa fare.
Nel frattempo un signore che ha seguito la scena si avvicina per chiedere se c'è bisogno d'aiuto. Altroché! Spiegato l'accaduto, questi si offre di aiutarci perchè ex carrozziere, dice lui, e ha gli attrezzi nella macchina. Nel frattempo arriva anche il meccanico, abbiamo due esperti, che quindi fanno a gara a chi apre prima il finestrino....pronti attenti via, in pochi secondi l'esperto scassinatore ops il signore che aveva offerto il suo aiuto vince sul meccanico che era fornito dei più moderni attrezzi. Applausi da parte nostra e di alcune persone che hanno assistito alla scena. Non vogliono essere pagati, offriamo loro almeno da bere, insistiamo, ma non c'è verso, solo i ringraziamenti e strette di mano. Grandi americani.
Ragazzi che spavento però!
Verso il tramonto arriviamo al Golden Gate.
Affiora timido dalla nebbia arrossendo ?!
Eh si anche oggi c'è la nebbia......e il vento!
Fa un freddo polare il vento è fortissimo e porta le nebbie verso la baia dall'oceano.
Stanno arrivando proprio adesso, hanno già coperto tutto il pilone più a sud. Dobbiamo sbrigarci, facciamo di corsa il sentierino che ci porta in un vista point situato in alto verso la destra del ponte. STUPENDO.
Poco dopo però è sparito tutto.


01/09/2007
Siamo di nuovo a San Francisco.
Giornata dedicata alla visita della città. Terminiamo il percorso con il sigthseeing già iniziato al nostro arrivo, poi il battello che prendiamo al Pier 39. Da non perdere. Stupenda la vista di Frisco dalla baia.
Si arriva fino a sotto al Golden Gate.....sempre un poco annebbiato!
Comunque qui è tutto uno spettacolo.
In serata andiamo a Ockland alla ricerca del parco dedicato a Jack London.
Troviamo infatti metà della casa in legno dove abitava.
Mangiamo qui in un simpatico ristorante italiano.
Alla fine ci prendiamo uno spavento incredibile, stiamo percorrendo una strada piuttosto larga e ad un certo punto sentiamo dietro di noi il suono fortissimo di un treno.............E' PROPRIO DIETRO DI NOI dico DIETRO DI NOI . Infatti i binari sono proprio sotto il nostro pulmino!!!!!
E' vero che sta andando pianissimo, ma a noi viene un infarto, ma come si fa a far viaggiare i treni, e non un trenino turistico, ma un vero enorme lunghissimo pesantissimo treno americano, sulla stessa strada delle macchine????


02/09/2007
Ahimè la vacanza è finita, ci avviamo verso l'aeroporto e siccome siamo in anticipo passiamo ancora una volta sul Golden Gate, che miracolosamente ci accogli in tutto il suo splendore, illuminato da un bel sole e senza nebbie. Facciamo un po' di foto e poi via verso i tornanti della Lombard Street (è domenica per fare questo tratto facciamo una bella coda) e poi all'aeroporto. Consegnamo il pulmino, salutiamo “ Luisa” (il navigatore) e con una stretta al cuore anche questi posti favolosi.
Rifarei tutto subito. Una grande emozione durata quindici giorni.
E il prossimo viaggio....??
"

 
Links Correlati
· Inoltre West USA
· News by webmaster


Articolo più letto relativo a West USA:
A caccia di tornado tra Texas e North Dakota


Vota questo articolo
Voto medio: 4.8
Voti: 5


Ti prego di votare questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Normale
Non mi piace



Opzioni

 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico


Associated Topics

Las VegasLos AngelesParchiSan FranciscoWest USA

Web site engine's code is Copyright © 2003 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.
 [Home]   [Nuovo articolo]   [Forums]   [Galleria Foto]   [Telecamere]   [Informazioni sugli USA]   [Siti sugli USA]   [Mappa del sito]   [Cerca nel sito
In collaborazione con :
GuestCatalogo ItaliaABC: Elenco Alberghi e Hotel in ItaliaGuide di viaggio sugli USAViaggia in tutto il mondo Bangkok Hotels, hotel & Resort guide link exchange, links swap, link popularity, reciprocal link trade GuestFiere

© 2003 - Davide Rolando - savona-italia.it - ZonaViaggi - Aperos - Webcam - shop24ore - LastMinute - Premium Photo - Travel Photo - Tattoo Images

Generazione pagina: 0.444 Secondi
Strange Things - Cose Strane dal Web - Regali - Gadget - Oggetti introvabili Shop For Less